04 maggio 2007

Annozero: Baroni si nasce!

Baroni si nasce, ma pazienti si diventa.
E qualche volta si muore.
Partendo dalla storia del Policlinico di Bari, che è finito nel mirino della magistratura per storie di nepotismi e raccomandazioni, ieri ad Annozero si parlava di carriere universitarie, concorsi (ne aveva parlato anche l'espresso in una sua inchiesta).

Quale è lo stato di salute dell'università italiana, per quanto riguarda i ricercatori?
Partiamo dai numeri:
In Inghilterra il 16% dei professori associati ha meno di 35 anni.
In Italia solo 5 su 18651 (dei prof. ordinari di ruolo) sono sotto i 35.


E molti di questi sono figli di, parenti di, amici di ... li chiamano i Baroni, forse anche perchè si credono di essere al di sopra delle parti e dalla legge.Si permettono di chiedere alle ricercatrici "favori" particolari, come spiegava Amelia, ricercatrice che si è visto rifiutare un assegno di ricerca. Poi un giorno una perosna molto in alto le ha detto che poteva farglielo avere.
Allungando le mani: quando lei è uscita, scandalizzata, gli altri le hanno detto "ma guarda che è una perosna perbene!".
Perchè è così: i barono non solo sono al di sopra (e fuori) la legge, ma sono anche persone per bene. La carriera di Amelia si è ovviamente interrotta. Perchè la persona per bene è nella stanza dei bottoni dell'ateneo di Bari.
"In Italia la cultura non serve" questa la conclusione di Amelia "io ho tre lauree! Perchè dite che non c'è cultura? Io al massino uno stage e lavori interinali".

L'inchiesta di Stefano Bianchi, Luca Bertazzoni e Viola Rispoli al Policlinico di Bari.
Al policlinico di Bari ci sono 1200 posti letto, però appena entri sembra un castello medioevale. Forse per questo si parla di baronia. Nonostante tutti questi posti, le persone che arrivano al pronto soccorso non trovano posto. "Ma dove cazzo vanno questi pazienti? Come arrivano nei reparti? " si sfogava dottor Mazzarella.
Si dice che solo se passi per lo studio privato trovi il tuo posti. Altrimenti aspetti per ore.
La magistratura ha messo il naso nel policlinico di Bari: si è parlato di parentopoli. Ci sono 25 professori, reponsabili di vari reparti, che hanno figli o parenti all'interno dello stesso reparto.

Come il preside della facoltà Antonio Quaranta, il cui foglio Nicola lavora come direttore della scuola di otorinolaringoiatria.
Il presidente del concorso che ha assunto il figlio è amico del padre (è direttore di un altra clinica universitaria).

Alcuni casi parentopoli/concorsopoli:
Il prof. Riccardo Giorgino (primario medicina interna): il figlio Francesco è professore ordinario col padre. E' stato reso idoneo a Chieti e poi chiamato a Bari (nel consiglio che lo ha scelto, lui era tra i prsenti).
Il prof. Shonauer, indagato per abuso d'ufficio, per aver favorito il figlio nel concorso di professore associato.Il prof. Pagliarulo (urologo): anche il figlio è urologo. Dopo un concorso che vedeva due partecipanti.

In 25 reparti padri e figli lavorano assieme: quando l'abelo genealogico è stato mostrato ai professori, c'era chi non comenntava e chi sapeva e andava via. Tra gli studenti vigeva la rassegnazione e lo sconforto: brutto segno per il futuro del nostro paese.

Ma i baroni si difendono dicendo che è un sistema diffuso in tutto il paese: che male c'è a favorire il figlio se merita?
Mentre il reparto di radiologia è da ristrutturare, con la muffa sui muri, c'è un'intera ala dedicata ad uffici per segreterie e direzioni. Nei reparti la gente sta in sei per stanza ("come gli zingari"), a rischio infezione. A rischio di morire, come testimoniava il padre di Luigi.
Anche lui morto dopo essere stato ricoverato per una frattura scomposta ed essere stato infettato nel ricovero ospedaliero.Tornato a casa aveva avuto una febbre alta ed era tornato in clinica "papà non mi portare in quel carnaio ...".
Dopo quattro mesi non si conosce l'esito dell'autopsia: perchè anche omertosi sono i cari baroni della medicina italiana.Codice etico? Giuramento di Ippocrate? Chi era costui?

Gli ospiti in studio:
Il ministro per la ricerca Fabio Mussi, il senatore Marino, il prof. Gastaldi (de "La Sapienza" a Roma) e l'onorevole Della Vedova.

Il ministro Mussi ha esposto le modifiche al processo di assunzione dei ricercatori:
- i curriculum saranno valutati da 7 valutatori anonimi. Solo un quarto tra i candidati verrà scelto dalle commissioni delle università.
- la creazione dell'Agenzia di Valutazione della ricerca, sul modello inglese. Chi viene valutato bene, perchè fa tanta ricerca, prende più soldi.

Della Vedova proponeva il modello americano, dove lo stato e il publbico è meno presente.
Il senatore Marino (ex ricercatore a Filadelfia) parlava della sua proposta di affidare il 5% dei fondi per la ricerca biomedica a giovani sotto i 40 anni.
Camilla Raznovich andava oltre: inutile fare regole, in Italia troveremo sempre il modo di aggirarle. Dobbiamo investore sulla generazione dei giovani. Dare un'educazione morale e dei codici etici ...

Altri numeri:
- 6000 laureati ogni anni vanno all'estero a fare ricerca.
- un laureato costa allo stato 50000 euro.
- Per Harvard si spendono 20 miliardi di $
- Nel sistema italiano si spendono 13 miliono di euro per le università.
- Un ricercatore in Italia prende 800 euro mese.
- In america si va dai 1600, 2000 dollari mese. Dove si viene assunti in modo diretto, senza concorso. Basta avere i titoli.

Il professor Gastoldi de "La Sapienza" di Roma spiegava l'anello debole dei concorsi: come è possibile falsarli e assumere chi si vuole.Come si accomodano i concorsi:
1 - Livellamento a priori dei candidati (fatto a livello di bando)
2 - "Influenza" nella costituzione della Commissione (detta "ammuina")
3 - Giudizi plausibili a tutti e voto "come concordato", anche all'incontrario

Bisognerebbe fare delle regole contro questi punti deboli del sistema.

La lettera di Travaglio a Wolfowitz
Il presidente della banca mondiale aveva amesso, imbarazzato, della promozione data all'amante, manager della banca mondiale.
Lei ha sbagliato paese: qui si fa tutto alla luce del sole e se ne vanta pure.
Longanesi diceva che sulla bandiera noi dovremmo scrivere "tengo famiglia".
In Rai sono stati assunti i figli di Letta, Leone, Mancini, Squillante, Mancino, Bernabei, la segretari di Gelli e l'autista di Berlusconi ..
In Mediaset Geronzi, Confalonieri ..
In Parlamento i può parlare di "seggio ereditario": dal caso Craxi, a Forlani (moglie), Cossiga (figlio e nipote), Pecoraro Scanio (fratello), Paolo Berlusconi (ex prima moglie), Bassolino (moglie) e Fassino (moglie, anche se aveva fatto più di due mandati).
Si parla di ricongiungimenti familiari in parlamento.

Clemente Mastella è il caso dei casi: la moglie è pres. del consiglio regionale in Campania. Ha promosso come direttore nel suo ministero un tale Giampiero Nuvoli, famoso per avere detto che Borrelli andava "impiccato in piazza". orse per questo gli è stata data la delega ai diritti umani.Poi c'è il caso dei portaborse: da Bossi (fratello e figlio) e Follini (moglie, direttore agenzia del demanio).

C'è il ministro Di Pietro che ha incontrato Cristiano (Di Pietro), consigliere provinciale di Campo-basso, in una riunione sull'eolico.
C'è il caso della Gea World ...
Montanelli proponeva di sterilizzare i vip. Tropp drastico.Wolfowitz dovrebbe venire in Italia: forse gli farebbero fare il premier.

Come ne usciamo? Forse le regole non bastano e cambiare la mentalità lo si può fare solo se qualcuno inizia a dare il buon esempio.
Senza spettare che la magistratura faccia pulizia.

Technorati: , ,

5 commenti:

Anonimo ha detto...

spero che queste inchieste possano aiutare a fare sì che la situazione in Italia possa migliorare, anche se ne dubito.
ciao
Matteo
Ps: mi aspetto qualche tua riga sull'aggressione dei giovani di rifondazione comunista a mario segni nel corso della manifestazione dell'1 maggio e riportata sulla repubblica di oggi...sono sicuro che se fosse stata fatta da iscritti della lega o di alleanza nazionale non ti sarebbe scappata...

alduccio ha detto...

Una violenza da condannare e basta ... sinceramente non capisco cosa hanno contro Segni e il referendum ..

Anonimo ha detto...

un laureato costa allo stato 50000 euro??? io sapevo 10 volte tanto

E poi un DOTTORANDO guadagna 800 euro al mese, un ricercatore circa 1000 euro

Max&Yoda ha detto...

Purtroppo queste sono le dimostrazioni evidenti che la nostra classe politica è semplicemente lo specchio della mentalità italiana. In qualunque posto andiate ad indagare ,troverete sempre amici e parenti. L'unica soluzione per eliminare i favoritismi sarebbe imparentarci con tutti quanti o almeno essere molto amichevoli!!
A parte gli scherzi, o si sradica questa mentalità nelle nuove generazioni oppure continuiamo come è sempre stato,creando sempre + regole,puntualmente scavalcate dai + furbi, dai parenti dei + furbi e dagli amici dei parenti dei + furbi

Simone ha detto...

mi soffermo sull'ingenua soluzione di Mussi per lo 'svecchiamento' dell'università: diamo la precedenza ai giovani!
penso che quelli che aspettano da 15 anni di essere finalmente assunti avranno qualcosa da dire in proposito....